Articoli

L'assedio di Canelli 1613

Note storiche

La rievocazione storica dell'Assedio di Canelli - anno 1613 prende il via da un fatto storico ben documentato che si inquadra nell'ambito delle guerre per la successione del Ducato di Monferrato (1613-1617).

Nel 1612 moriva Francesco Gonzaga, duca di Mantova che aveva diritti sul Monferrato. Alla sua morte si aprirono innumerevoli controversie per la successione. Carlo Emanuele I, duca di Savoia (che era il nonno dell'unica figlia del defunto Duca), per difendere i secolari interessi che casa Savoia aveva sul Monferrato, decise di risolvere le controversie con le armi. Si diede inizio a quella che fu definita la guerra per la successione del Ducato di Monferrato.

Canelli, posta sul confine tra Savoia e Monferrato, interamente fortificata, fu teatro di innumerevoli combattimenti e subì numerosi attacchi.
Nel giugno del 1613, approfittando della mancanza di soldati dalle fortificazioni canellesi, Carlo Gonzaga, duca di Nevers con un reggimento di cavalleria, uno di fanteria e con diversi cannoni, attraversò il fiume Belbo e pose l'assedio alla città. Le truppe monferrine tentarono in più modi di entrare in Canelli, ma piccola guarnigione rimasta fu aiutata in modo determinante dalla popolazione che, con non pochi sacrifici riuscì a resistere a tutti gli attacchi e a reagire in modo decisivo. I nemici furono costretti al ritirarsi con morte d'alcuni cavaglieri principali, capitani, soldati, et molti feriti fuggendo con tanto spavento et fuga lasciarono sopra la piazza, i petardi et le scale con alcuni pezzi di bronzo et altri carri carichi di moschetoni da posta, piche et altre armi.

Il Duca di Savoia per ringraziamento e per premiare gli uomini e le donne di Canelli del loro comportamento li esentò per trent'anni, con apposito decreto, dal pagamento delle tasse.
(...approfondimenti...)

Il "Magnifico Senato d'Astesana" è una consulta composta da personaggi illustri nel campo della cultura, dell'imprenditoria, dell'informazione, dell'enogastronomia, ecc... operanti nel territorio della Contea di Asti, o Astesana.

Il "Magnifico Senato" si richiama all'omonimo organismo creato dai Duchi d'Orleans nel XV secolo per il governo della Contea di Asti, e mantenuto dai Duchi di Savoia Emanuele Filiberto e Carlo Emanuele I. Ha come scopo principale la promozione, la tutela e la salvaguardia dell'identità territoriale, culturale e storica della Contea di Asti (territorio così definito nei secoli XVI, XVII e seguenti, comprendente il Distretto di Asti, il Capitano d'Oltre Tanaro, il Capitano di qua del Tanaro, i Feudi ecclesiastici, ecc...) e dell'Astesana Grande (il territorio soggetto stabilmente e per lunghi periodi all'amministrazione astese che si estendeva in parte delle attuali provincia di Torino, Cuneo, Asti ed Alessandria).

"Il Magnifico Senato d'Astesana" attraverso iniziative quali convegni, seminari, proposte, suggerimenti, pubblicazioni, incontri, ecc... opera per ricostruire e riaffermare l'identità dell'Astesana attraverso la valorizzazione del suo patrimonio storico, ambientale, artistico, culturale, etnografico, viticolo-enologico, gastronomico. Opera altresì per instaurare stretti rapporti di collaborazione ed iniziative comuni finalizzate a quanto sopra con altre terre legate da solidi vincoli storici, in una comune ottica di pormozione culturale e turistica.  [...approfondimenti - disciplinare "Magnifico Senato d'Astesana"...